Terminati i lavori al campo “Cappuccini”

Quarantaquattro i giorni necessari per gli interventi, in anticipo rispetto al termine preventivato di sessanta. Diversi gli interventi effettuati: smantellato il vecchio manto che ricopriva la pista, stratificato il bitume e coperto con una pavimentazione sintetica impermeabile omologata. E ancora realizzata un’unica pedana per il salto in lungo e il triplo con due fossati con la sabbia, in modo da poter sfruttare le due corsie a secondo del vento.

L’ultimazione dei lavori per la messa a norma della pista di atletica “Cappuccini” è uno dei risultati tangibili che testimoniano l’importanza di una manifestazione come i Campionati Nazionali Universitari. Oltre agli atleti provenienti da tutta Italia che vi gareggeranno, infatti, la struttura rimarrà poi a disposizione dei messinesi e, quindi, della città. Quarantaquattro i giorni necessari per gli interventi, in anticipo rispetto al termine preventivato di sessanta. Ciò, nonostante lo stop imposto dalle cattive condizioni meteorologiche nel mese di aprile.

Diversi gli interventi effettuati: smantellato il vecchio manto che ricopriva la pista, stratificato il bitume e coperto con una pavimentazione sintetica impermeabile omologata. E ancora realizzata un’unica pedana per il salto in lungo e il triplo con due fossati con la sabbia, in modo da poter sfruttare le due corsie a secondo del vento. I lavori hanno riguardato anche gli spogliatoi, pitturate le pareti e resi accessibili gli spazi. Sono inoltre state fornite nuove attrezzature sportive necessarie per le varie discipline. Seminato il manto erboso centrale qualche giorno fa, sarà perfetto per l’inizio delle gare. Il progetto ha acquisito i pareri favorevoli del Coni e della Fidal, che ha curato il collaudo in corso di esecuzione tramite un proprio esperto appositamente incaricato.

I lavori sono stati diretti dall’Area Servizi Tecnici dell’Università. Tre le ditte che si sono aggiudicate l’appalto: La Valle Vincenzo di Messina per la manutenzione degli spogliatoi, la Sportissimo di Albino per la fornitura delle attrezzature sportive e la Mondo di Alba per il rifacimento della pista. Quest’ultima azienda sta lavorando anche per le prossime Olimpiadi di Londra.

L’impegno finanziario è stato sostenuto dall’Università degli Studi di Messina grazie al protocollo d’intesa sottoscritto con il Comune di Messina, che è proprietario dell’impianto. Complessivamente 900mila euro l’importo garantito grazie ad un mutuo con tasso agevolato concesso dall’Istituto per il Credito Sportivo con ammortamento ventennale.

Fonte: www.cnumessina.it